Torna alla Homepage
Accedi al WebMail
Clicca QUI
   


[inter]view


A confronto con gruppi o singoli musicisti.

Vedi tutti i contributi per la sezione [inter]view

[ Cerca Gruppo per ordine alfabetico ]
[ Cerca Intervistato per ordine alfabetico ]
MARCO PARENTE [inter]view

Autore completo, Marco ha sempre utilizzato la sua feconda creatività per rompere argini, schemi e sperimentare, in musica, come a teatro, con progetti editoriali e collaborazioni a tutto campo. Dalla sua militanza nei CSI come batterista per Ko De Mondo e Linea Gotica alla sua prima esperienza teatrale Paradiso, Inferno, Piano Terra, dal primo disco Eppur Non Basta - pubblicando per etichette storiche come la Mescal - all’idea del manifesto di “pubblicazione vivente”, l’estro e la carica innovativa per nulla snob o esageratamente criptica di Marco sono la base fondante di un pensiero, di un’etica e di un suono tra i più importanti degli ultimi anni di “cultura” italiana. Tutto questo, come ovviamente il nuovo disco La Riproduzione Dei Fiori, è stato oggetto della chiacchierata telefonica riportata di seguito.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
LENTO | Donato Loia, Lorenzo Stecconi [inter]view

Icon, nuovo album dei Lento, ha rappresentato qualcosa in più di una semplice conferma per la formazione italiana sbarcata su Denovali: vuoi per l’evidente evoluzione nella scrittura, vuoi per una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità. Con il nuovo capitolo i Lento hanno dimostrato come si possa ancora cercare una propria strada all’interno di un panorama sempre più standardizzato e asfittico, pur senza stravolgerne completamente le regole o cercare chissà quali colpi ad effetto. Lorenzo e Donato si sono sottoposti al nostro terzo grado e hanno rivelato molti particolari sulla genesi di Icon, così da tramutare l’intervista da semplice spot auto-celebrativo in un’interessante punto di vista privilegiato, così da rendere quella che segue un’occasione importante per osservare da vicino la nuova creatura di casa Lento.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
BLACK RAINBOWS | Gabriele Fiori [inter]view

L’astronave Black Rainbows viaggia nel tempo e passa con disinvoltura dagli anni Settanta ai Novanta, attraversa hard rock, psichedelia e stoner, per continuare il culto del riff e della distorsione, della saturazione valvolare e, per usare le loro parole, del fottutissimo hard rock’n’roll. La differenza rispetto ai concorrenti sta nella capacità di creare brani personali e ben bilanciati, in grado di colpire l’attenzione e di lasciare il segno: molto più di un semplice tributo, quindi, piuttosto una vera e propria sfida a chi ormai vorrebbe mandare certi suoni in pensione. Al solito, quando qualcosa cattura il nostro interesse, andiamo a fondo e ci facciamo raccontare qualcosa: tocca a Gabriele (chitarra, voce e produzione).

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
L'ENFANCE ROUGE | Chiara Locardi [inter]view

L’esperienza e la solidità raggiunta sotto tutti i punti di vista rendono L’Enfance Rouge uno dei gruppi più importanti e “in forma” d’Europa. Reale punto d’incontro di sensibilità differenti e legati ad ambienti ed esperienze diverse, la sicurezza con cui hanno perseguito finora il loro percorso artistico ha quasi dello stupefacente se ne si considera la difficoltà, anche logistica del tutto. Di seguito l’intervista via e-mail con Chiara Locardi (basso e voce).

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
JOYCUT [inter]view

Hanno mobilitato il gruppo L’Espresso, Xl, Coop, l’Estragon per il progetto “ecologico” che li vede protagonisti da sempre, tematiche dei dischi incluse. Hanno calcato tanti palchi, importanti o meno, hanno cementato uno stile sonoro con dei modelli di riferimento molto forti, pur mantenendo un’identità marcata, affinata dalle capacità tecniche e compositive maturate col “vivere” la musica appieno, in ogni suo aspetto. I Joycut hanno da poco pubblicato Ghost Trees Where To Disappear, secondo lavoro sulla lunga distanza, ottima occasione per scambiare quattro chiacchiere con Pasco, cantante, chitarrista e leader del gruppo.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
MOMBU | Luca T. Mai, Antonio Zitarelli [inter]view

Luca T. Mai è un nome ricorrente se si scorrono le pagine di Audiodrome, grazie agli Zu e grazie alle sue collaborazioni con Psychofagist e Dogs For Breakfast. Di recente ha dato vita ad un nuovo progetto, che lo vede in compagnia di Antonio Zitarelli (Neo), ovverosia i Mombu, dei quali ci siamo già occupati in sede di recensione. Abbiamo deciso di contattarli per saperne di più ed ecco cosa ci hanno raccontato.

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
AGATHA [inter]view

Un nuovo album, una nuova formazione a due, un suono ancora più pesante e incisivo: le Agatha si presentano all'insegna della "caprezza" e delle corna alzate al cielo. Il tutto condito da testi e grafiche in bilico tra il surreale e l'auto-ironico, con tanto di istantanee di vita quotidiana in face painting: un richiamo davvero irresistibile per non porre loro qualche domanda.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
PAOLO BENVEGNÙ [inter]view

Le aspettative per Hermann erano alte: due grandi dischi come Piccoli Fragilissimi Film e Le Labbra, senza scordare l’esperienza storica con gli Scisma. Le aspettative sono state superate, anche perché Hermann è una grande “storia”, dotata di mille e più sfumature musicali e narrative, restituite con forza e lirismo di grande livello. In più pare che in Italia si stia tornando ad attribuire più attenzione al linguaggio della “canzone” (con La Riproduzione Dei Fiori di Marco Parente, ad esempio), ma forse sta accadendo anche nel mondo (con il progetto Banjo Or Freakout,  e i dischi di Anna Calvi, entrambi tra l’altro di matrice italica, Pj Harvey, Iron & Wine, Decemberists e addirittura - estremizzando un po’ - il nuovo Kode9). Forse si guarda di nuovo all’importanza di una scrittura solida, di una narrazione per note, umane, elettriche o “elettroniche” che siano, superando l’abuso di “nuovi suoni” o revival, quando non portano altro che a scarsità di contenuti. Per cercare di ragionarci un po’ su e, tornando all’oggetto principale dell’intervista, per continuare a raccontare ciò che Hermann è e sta rappresentando per Paolo e per chi l’ha ascoltato, di seguito la chiacchierata telefonica con Benvegnù, “strappato” per un po’ dalla sua incredibile e umile “forza lavorativa”, tra grande affabilità e umanità.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
MAMUTHONES | Alessio Gastaldello [inter]view

Che Mamuthones abbia fatto il salto di qualità è evidente dall’eccelsa rassegna stampa di questi mesi, ma suggeriamo di comprare il disco, dall’ascolto del quale risulterà evidente la crescita (non solo in termini di line-up) di questo progetto di Alessio Gastaldello. Lo abbiamo contattato per sapere qualcosa di più sull’ennesima band italiana originale, autonoma e di qualità apparsa sullo scenario del 2011.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
ANY FACE [inter]view

Gli Any Face sono in giro da oltre dieci anni, un lungo tragitto che non sembra averne minato lo spirito battagliero e la determinazione, proprio come non sembrano per nulla toccati dall’aver dovuto cambiare vari cantanti nel giro di un breve lasso di tempo. Di sicuro, un album come il recente The Cult Of Sickness rappresenta un punto privilegiato per raccogliere nuovamente le forze prima di gettarsi a capofitto in una nuova fase della loro avventura. Quale momento migliore per rivolgere agli Any Face qualche domanda su passato, presente e futuro della band?

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
Enrico Gabrielli [Der Maurer, Mariposa, Calibro 35...] [inter]view

Un altro degli “uomini musica” del sottobosco musicale italiano, molto poco “sotto” in quanto a qualità, finisce nella rete delle nostre interviste. Impegnato nel progetto Der Maurer con Trovarobato, tra Afterhours, Mariposa, Calibro 35 e altri mille progetti di cui ancora nulla sappiamo, il “maestro” Enrico Gabrielli, polistrumentista e artista a tutto tondo, si “confessa” nella chiacchierata di seguito.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
DINO FUMARETTO [inter]view

La prorompente attività live ha reso i concerti di Dino Fumaretto tra i più seguiti e numerosi dello scorso anno. Dal vivo, infatti, emerge del tutto la vena storta e corrosiva del peculiare cantautorato che offre senza sconti Elia Billoni, la cui forza non era del tutto emersa con l’esordio La Vita È Breve E Spesso Rimane Sotto. Di seguito la chiacchierata con Dino/Elia.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
SUBROSA [inter]view

No Help For The Mighty Ones è il titolo del nuovo album realizzato dai Subrosa, formazione di cui Audiodrome si era già occupato ai tempi dell’interessante Strega e che, oggi, spicca il volo grazie ad un lavoro sorprendente da molti punti di vista. A partire dalla sconvolgente storia che ne ha ispirato l’artwork (quella della undicenne Tere Jo Duperrault, sopravvissuta al massacro della propria famiglia e ritrovata viva dopo giorni passati alla deriva sull’oceano), all’inusuale presenza di ben due violini in formazione, una particolarità che colpisce ancor più nel segno proprio perché parte integrante del suono e non mero abbellimento. Per questi e molti altri motivi, No Help For The Mighty Ones rapisce l’ascoltatore e lo risucchia in un vortice emotivo che non può lasciare indifferenti. Impossibile a questo punto non approfondire la conoscenza con i suoi autori.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
ZIPPO | Alessandro Sergente [inter]view

Maktub è il titolo scelto dagli Zippo per il nuovo album, ancora una volta su Subsound Records e nuovamente ispirato dall'opera di uno scrittore (dopo Castaneda, scelto per il precedente The Road To Knowledge, tocca ora a Coelho), un legame che i musicisti tengono a vedere come il portato di un'affinità elettiva che si incanala e trova naturale sbocco nella musica della band. Sotto il profilo strettamente musicale, il lavoro prosegue nell'evoluzione dello stile, ricco di influssi stoner e psichedelici, che ha da sempre contraddistinto gli Zippo e che oggi incorpora anche nuovi ingredienti, così da fornire lo spunto ideale per una chiacchierata con Alessandro Sergente, chitarrista della formazione abruzzese.

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
THEOLOGIAN | Leech [inter]view

Lee Bartow/Leech era uno che mancava su Audiodrome. Di gente che ha iniziato nei Novanta a pubblicare roba industrial/ambient/noise su questo sito ce n’è parecchia e lui un posticino qui se lo meritava proprio, specie dopo che col nuovo nome Theologian (Navicon Torture Technologies dice già di più ai fan del suo giro) ha fatto un disco quasi perfetto per la beneamata Crucial Blast (The Further I Get From Your Star, The Less Light I Feel On My Face). È venuta fuori un’intervista molto focalizzata sulla musica, anche perché Lee ha glissato su certi argomenti che gli ho proposto (i suoi artwork, la scena in generale e le varie micro-scene noise nate negli anni Zero). Nonostante questo, alcune risposte sono state così chiarificatrici (sull’ep Charting The Schism, sul suo nuovo stile, su vicende più personali) che questo scambio di mail andava comunque pubblicato.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
VALERIAN SWING | David Ferretti [inter]view

I Valerian Swing avevano già incuriosito con il precedente Draining Planning For Ears Reflectors, espressione di una band coraggiosa ma - in qualche modo - ancora in fase di assestamento. Con il nuovo A Sailor Lost Around The Earth i tre musicisti, rimasti soli e tornati alla formula originaria, dimostrano di aver completato la messa a punto del motore e compiono un deciso passo in avanti. Sembra proprio giunto il momento per rivolgere loro qualche domanda, così da conoscere più da vicino questa interessante realtà.

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
LILI REFRAIN [inter]view

Lili Refrain, due album alle spalle e una lunga serie di concerti per la penisola, è riuscita nell’arduo compito di accostare stili e linguaggi - spesso all’apparenza inconciliabili - all’interno di una formula personale, nonché immediatamente riconoscibile, un patchwork costruito come scatole cinesi al cui interno si annidano citazioni e rimandi, tutti frammenti offerti all’ascoltatore per ricostruire a mo’ di puzzle il mondo di Lili. Non paghi di averla dissezionata attraverso i suoi dischi, abbiamo deciso di sottoporla anche ad un serrato interrogatorio.

(le foto che corredano l'intervista sono di Francesco Viscuso)

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
CANAAN | Mauro Berchi [inter]view

Introdurre i Canaan vuol dire, per forza di cose, fare i conti con una realtà che non accetta approcci distratti, magari con la pretesa di carpirne qualche fugace aspetto prima di tornare all'ennesimo fenomeno stagionale sotto la luce dei riflettori mediatici. Canaan è, infatti, sinonimo di musica per emozioni e necessita di compartecipazione da parte dell'ascoltatore, pena l'impossibilità di interagire con i brani e il loro effetto catartico (non a caso fine massimo della tragedia greca). Per i Canaan si tratta tuttavia di un rischio calcolato, come sottolinea lo stesso Mauro Berchi nel corso di questa chiacchierata, consci della mancanza di sincronia tra il loro mondo e quello che accade nella quotidianità della massa. In fondo, non amano neanche le lodi sperticate e i facili entusiasmi, per cui sarà meglio tirarla corta e lasciare spazio alla voce di Contro.luce.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
ELVENKING | Lethien [inter]view

Approdati al sesto album della loro carriera, gli Elvenking ci stupiscono ancora una volta imprimendo una notevole sferzata al loro sound. L'elemento folk, da sempre trademark del gruppo, commisto a un potente heavy metal, viene infatti rinvigorito da robuste iniezioni di hard rock, dando vita a Red Silent Tides, un'opera matura e coinvolgente, da assaporare per la sua immediatezza. Lasciamo che siano gli stessi Elvenking a illustrarci i tratti salienti della loro ultima fatica.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
VERDENA | Luca Ferrari [inter]view

C’era MTV che trasmetteva quasi solo musica, c’erano i Nirvana, c’era “Valvonauta”, c’erano tante cose che, forse, ora non ci sono più. O i ricordi colorano diversamente quanto accaduto. Tra tanti, c’erano i Verdena, appena adolescenti, già capaci di smuovere le acque tra gli appassionati. Sentimenti di amore/odio e una crescita musicale forse impensabile. E adesso c’è Wow, doppio disco su Universal e una band che pare non aver limiti in quanto ad ispirazione e personalità. I raffronti, gli sberleffi, le odi di ammirazioni lecca culo, l’amore/odio di poco su c’è ancora. Da queste parti poco importa, Wow è piaciuto e pure tanto e allora un’intervista era d’obbligo. Di seguito la chiacchierata con Luca Ferrari, batterista del gruppo e fratello di Alberto, entrambi co-fondatori dei Verdena.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
24 GRANA | Renato Minale [inter]view

I 24 Grana sono una delle più grandi band italiane, troppo poco celebrata in proporzione a quanto ha “dato” al nostro asfittico - ma perennemente in grado di stupire - mondo musicale. E loro di mondi ne hanno creati tanti, uno per ogni disco, uno per ogni scelta stilistica, testuale, emotiva. Ancora oggi, dopo un mare di canzoni sorrette dai magnifici testi in napoletano (o perlomeno in gran parte) di Francesco Di Bella e scritti con inchiostri dub, rock, pop, intellettuali, diretti a fare centro al cuore, fieri del proprio cammino, inciampi compresi. È da poco nei negozi Sulla Stessa Barca, registrato da Steve Albini, ed è l’ennesima svolta, a dimostrare voglia di crescita e creatività non comuni, neanche a guardare al di là dell’oblò italico. Di seguito l’intervista al batterista Renato Minale.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
NUMERO 6 | Michele Bitossi [inter]view

Appassionato di calcio, quello dei bei tempi, appassionato della vita e delle sue forme d’arte in ogni campo, nume tutelare di tanti progetti italici, genoana DOC, Michele Bitossi e i suoi Numero 6 rappresentano una delle realtà più interessanti in circolazione anche in prospettiva futura. Di seguito la chiacchierata con lui data l’uscita da quasi un mese del nuovo Numero 6, I Love You Fortissimo.

Leggi tutto... | 2 Commenti Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
BUFFALO GRILLZ [inter]view

Una manata in faccia, quella che a Roma si chiama pizza e che ti lascia con lo sguardo attonito mentre cerchi di capire da che parte sia arrivata. Questo in soldoni l’effetto di Grind Canyon, debutto del supergruppo in salsa grind formato da membri di Undertakers, Tsubo, The Orange Man Theory e Dr. Gore, nomi che non hanno certo bisogno di presentazioni. Sembrava opportuno a questo punto andare a scomodare uno dei protagonisti del progetto. Ecco cosa ci ha raccontato Cinghio.

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
VREID | Sture Dingsøyr [inter]view

I Vreid sono una band con sempre maggiore visibilità, grazie ad album azzeccati e a un’attività live intensa, documentata da un dvd uscito l’anno appena trascorso. La Indie Recordings, casa di vari gruppi partiti dal black metal e giunti a un sound personale (Enslaved, Solefald, Shining e altri ancora) sembra puntare molto su di loro e ci ha proposto l’ascolto in anteprima del nuovo album “V” e la possibilità di intervistarli. Il disco è buono e allarga lo spettro sonoro della band, che perde un po’ di cattiveria ma guadagna in eclettismo. I testi rimangono interessanti e personali, di sicuro più della media di quelli dei “colleghi”. Per questo abbiamo accettato l’idea di dare un po’ di spazio in più a Sture Dingsøyr (voce e chitarra ritmica), provando a fargli aggiungere qualcosa sui contenuti del disco, sui cambiamenti musicali in atto e su alcuni punti chiave che rendono riconoscibile la band all’interno di un genere ancora oggi sovraffollato. Abbiamo ricevuto qualche risposta troppo di circostanza, ma anche qualche dritta su come “leggere” l’album.

Leggi tutto... | Scrivi un commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
KONTATTO | Marziona [inter]view

Per presentare Marziona ci sarebbe da scrivere un trattato: musica, blog, libri, iniziative, concerti… Insomma, ci si trova di fronte ad un vero vulcano di idee, alimentato da un’inesauribile passione per la musica. Per questo abbiamo voluto proporle un’intervista a tutto campo che tentasse di mettere ordine e presentasse ai lettori i molti progetti che la vedono in prima linea. Ne è risultata una lunga chiacchierata da leggere in un solo fiato, ricca di aneddoti e spunti su cui riflettere, ma soprattutto esemplare di come la musica dovrebbe essere vissuta attivamente. Ma lasciamo il campo alla protagonista…

Leggi tutto... | 1 Commento Invia l'articolo ad un amico Stampa la pagina
 Numero di pagine: 20 Vai alla pagina 1 2  3 4 5 »   Ultima  




Testata giornalistica iscritta in data 02/02/2012 al n. 1251 del Registro Stampa del Tribunale Ordinario di Trieste