[audio]drome

Crass Bomb - L'azione diretta nel punk

Articoli / [over]view
Inviato da fabrizio 10 Apr 2011 - 18:54

DIY
Crass bomb
L'azione diretta nel punk
Agenzia X

L'intero libro è scaricabile in formato pdf da qui [1].



Come affrontare un nome ingombrante come quello dei Crass senza finire nel solito saggio o peggio nella classica carrellata di aneddoti e dati statistici? Il collettivo D.I.Y. (ovvero il team formato dall'italiana Agenzia X e dalla madrilena La Felguera Ediciones) ha deciso di utilizzare una sorta di collage - o meglio un patchwork - che affianca testimonianze dirette – su tutte, l’interessante “Investigando L’Ascella Privata” di Penny Rimbaud - e indirette, come la testimonianza di Marco Philopat circa l'impatto dei Crass sulla scena punk italiana, interviste, dichiarazioni, scritti, volantini, testi, persino poesie, a formare un quadro pulsante e vivo, in cui l'interesse dei contenuti supera la mancanza di omogeneità che una tale impostazione, va da sé, finisce per produrre. Del resto, il fenomeno Crass è talmente ricco e sfaccettato, con la continua lotta interna tra contenuti ideologici e forma musicale, necessità di attenersi ad un codice morale ferreo e volontà di condividere e far circolare le proprie idee, da impedire qualsiasi oggettività: o si amano e si venerano come eroi assoluti dell'etica d.i.y. oppure si deplora la loro impostazione rigida e in qualche modo manichea.
In realtà, i Crass sono stati entrambe le cose, motori principali di un cambiamento necessario e reale (visto che il punk alla fine si era risolto in un'ennesima moda consegnata alle case discografiche), ma anche fenomeno auto-referenziale e incapace di evolversi senza implodere, una sorta di vittima sacrificale nata con una scadenza e votata al martirio. Perché, vale la pena sottolinearlo, il mondo dei Crass era tenuto insieme da una tensione superficiale sempre sul punto di spezzarsi, combattuto tra la voglia di essere un collettivo a tutti gli effetti e il rischio di vedere una delle personalità coinvolte prendere il sopravvento sulle altre, il che alla lunga si è rivelato anche il vero punto debole dell'utopia crassiana. Sarebbe, però, altamente ingiusto considerare i Crass dei semplici idealisti incapaci di sortire effetti nel mondo reale, perché la storia del collettivo è principalmente storia di azioni e come tale va trattata. Si va dalla Crass Records alla famosa tape con il finto dialogo tra la Thatcher e Reagan (che portò sull'orlo di una crisi diplomatica), dai concerti in appoggio alla protesta dei minatori all'impegno durante la guerra delle Falkland: i Crass non amavano di certo starsene con le mani in mano, né pensavano di poter cambiare la realtà con i soli dischi, anzi, troppo spesso il loro limite viene rintracciato proprio nel non dare abbastanza peso al fattore musicale, tanto da essere considerati da molti come il gruppo degno del massimo rispetto ma pressoché inascoltabile.
Il libro uscito in questi giorni ha il merito di rendere alla perfezione la molteplicità della materia trattata, tutte le sue sfumature e - perché no? - i punti deboli di questo percorso, riporta alla luce momenti toccanti, come la storia di Wally Hope e del suo internamento, e lascia spazio alla viva voce dei protagonisti, Penny Rimbaud in primis. Probabilmente non farà cambiare idea ai detrattori, né getterà nuova luce sul collettivo, ma ha dalla sua la capacità di mettere a fuoco alcuni momenti meno didascalici dell'avventura, così da lasciarsi apprezzare anche da chi non rientra nella schiera dei seguaci stretti. In fondo, è davvero impossibile racchiudere l'intera vicenda Crass in un solo volume, così come appare assurdo voler ridurre alla mera storia di una formazione rock l'epopea di chi nelle rock-star e nello star-system ha sempre visto il principale nemico e l'obiettivo contro cui scagliarsi.

A cura di: Michele Giorgi [michele.giorgi@audiodrome.it [2]]

Gruppo: Crass



Data articolo: aprile 2011

Questo articolo è stato inviato da [audio]drome
  http://audiodrome.it/

La URL di questo articolo è:
  http://audiodrome.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=7404

Links in questo articolo
  [1] http://www.agenziax.it/oc_main.php?pid=44&sid=38
  [2] http://audiodrome.it/mailto:michele.giorgi@audiodrome.it