[audio]drome

SLOWMANTRA | Pozzo D’Antullo

Articoli / [re]view
Inviato da fabrizio 17 Gen 2012 - 00:02

Il pozzo d’Antullo sta in provincia di Frosinone ed è un cedimento del terreno dovuto a fenomeni carsici.



La leggenda vuole che lì Dio abbia fatto sprofondare dei contadini che non stavano onorando la festa dell’Assunta. Slowmantra, nome già apparso su due split, uno con Ovskum e uno con Architeuthis Rex, parte da questa storia per buttare dentro un nastro venticinque minuti di terrore, tra drone profondi quanto quella voragine, reminescenze della “prima” Cold Meat Industry e voci indemoniate. Si toccano anche le frange estreme del doom e ci sono parentesi più caotiche e rumorose, mentre la conclusione è giocata sul suono come di un moog grigissimo. Sono tanti i generi lambiti da Slowmantra, che non ne fonda nessuno, ma sa mischiarli come si deve e soprattutto sa trasmettere un senso di disagio autentico, senza fare troppi ghirigori, complice l'aura irrazionale di queste storie contadine: “necro”, dicevano i Darkthrone, e “Necromusica” è il titolo di una mostra di Alexander Binder, autore della foto di copertina.

A cura di: Fabrizio Garau [fabrizio.garau@audiodrome.it [1]]

Gruppo: Slowmantra
Titolo: Pozzo D'Antullo
Label: Black Moss [www.blackmoss.tk [2]]
Anno: 2011 

Voto:


Tracklist

01. -

Questo articolo è stato inviato da [audio]drome
  http://audiodrome.it/

La URL di questo articolo è:
  http://audiodrome.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=8125

Links in questo articolo
  [1] http://audiodrome.it/mailto:fabrizio.garau@audiodrome.it
  [2] http://www.blackmoss.tk/