[audio]drome

SHABAZZ PALACES | Black Up

Articoli / [re]view
Inviato da fabrizio 26 Gen 2012 - 22:57

Il ritorno dell’avant/hip hop?



Potrebbe anche darsi e la collocazione su Sub Pop (il primo gruppo hip hop per l’etichetta) è perfetta in tal senso. “La mente” dietro il progetto Shabazz Palaces non è per niente quella di un novizio: Ishmael "Butterfly" Butler è stato membro degli storici Digable Planets, ballotta hip hop attiva agli inizi degli anni Novanta e autrice di Reachin’, uno di quei dischi che viene spesso inserito nei listoni “da avere”. Ma Black Up non è per nulla hip hop classico, piuttosto è limitrofo a quanto realizzato negli anni da cLOUDDEAD, Antipop Consortium o Eyedea & Abilities. Riguardo alle motivazioni che hanno portato a una tale svolta, ci si può ricamare su che è un piacere: magari semplicemente Ishmael ha desiderato misurarsi con un tipo di approccio all’hip hop che ha portato a grandi successi (anche commerciali) per dimostrare che non era da meno e che si poteva anche dire qualcosa in più. Il problema è che misurarsi in un campo del genere non è “facile e comodo” come può sembrare. Si corre il rischio di pervenire al classico esercizio di stile che “acchiappa” ascoltatori per nulla appassionati di hip hop ma che comunque poi sanno cogliere che la sostanza non è così… sostanziosa. In buona parte Black Up sembra rientrare in questa categoria. Di momenti positivi ce ne sono, è vero, ma, considerato nella sua interezza e nel tempo, rischia di affascinare ma poi di deludere qualsiasi “categoria” di pubblico, “alternativo” o “hippoparo hardcore”.

A cura di: Giampaolo Cristofaro [giampaolo.cristofaro@audiodrome.it [1]]

Gruppo: Shabazz Palaces
Titolo: Black Up
Label: Sub Pop
Distribuzione: Audioglobe
Anno: 2011

Voto:


Tracklist

01. Free Press And Curl
02. An echo from the Hosts that Profess Infinitum
03. Are You… Can You… Were You? (Felt)
04. A Treatease Dedicated to The Avian Airess from North East Nubis (1000 questions, 1 Answer)
05. Youlogy
06. Endeavors for Never (The Last Time We Spoke You Said You Were Not Here. I Saw You Though.)
07. Recollections of the Wraith
08. The King’s New Clothes Were Made by His Own Hands
09. Yeah You
10. Swerve...the Reeping of All That Is Worthwhile (Noir Not Withstanding)

Questo articolo è stato inviato da [audio]drome
  http://audiodrome.it/

La URL di questo articolo è:
  http://audiodrome.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=8144

Links in questo articolo
  [1] http://audiodrome.it/mailto:giampaolo.cristofaro@audiodrome.it